TRAINING AUTOGENO

CHE COS’E’ IL TA

Il TA è una tecnica di rilassamento, nata all’inizio del 1900 grazie allo psichiatra tedesco H. Schultz, basata sul ruolo attivo del soggetto nel raggiungere uno stato di rilassamento attraverso 6 esercizi di concentrazione (esercizi di base) che si focalizzano su diverse zone corporee. L’obiettivo è quello di raggiungere un rilassamento sia a livello fisico che psichico.

La caratteristica fondamentale è che attraverso gli esercizi mentali si ottengono reali modifiche corporee, che a loro volta influenzano la sfera psichica del soggetto. Questo perché l’uomo è un’unità biopsichica: mente e corpo non sono componenti autonome e indipendenti ma strettamente correlate tra loro (rapporto di influenza reciproca e costante). 

Gli esercizi di concentrazione sono studiati e concatenati per portare progressivamente a modificazioni organiche che sono opposte a quelle dello stress, finalizzate alla distensione corporea che produce distensione psichica.

Per raggiungere tale calma psicofisica è necessario “fare esercizio”: solo attraverso l’allenamento (”training”) e la ripetizione costante degli esercizi di concentrazione si ottengono sempre più solide risposte di distensione. Una regolare pratica degli esercizi porta ad una produzione automatica e spontanea delle modificazioni fisiologiche tipiche dello stato di rilassamento.

L’aggettivo “autogeno” invece significa “che si genera da sé”, in modo involontario: già dopo poche settimane di allenamento per alcuni soggetti le sensazioni di calma e benessere arrivano da sole.

A COSA SERVE IL TA

Il TA rafforza l’equilibrio psicofisico del soggetto e interviene sui disturbi psicosomatici e nevrotici di chi ha una fragile struttura psicofisica.

Questa tecnica rovescia il “mito dell’attivismo”, secondo cui l’uomo attivo è l’uomo di successo e chi non è attivo è necessariamente un passivo, abulico, incapace, emarginato. Nella nostra società la passività è disprezzata: questa inquietudine si riflette anche a livello organico e impedisce ai nostri muscoli di rilassarsi completamente, anzi, li tiene in uno stato continuo di leggero allarme.

In realtà la passività di cui si parla non coincide con l’abulia ma è un atteggiamento mentale liberatorio, di totale abbandono. Nel TA questo atteggiamento viene denominato “concentrazione passiva”, ed è uno stato di contemplazione degli eventi corporei e dei fenomeni psichici in cui non interferiscano le pretese disturbanti del mondo circostante.

La passività così raggiunta annulla gli stimoli esterni, e rende il soggetto capace di ascoltare i messaggi interiori e le sensazioni fisiche. Si tratta di una osservazione passiva senza aspettative, senza ansie per ciò che potrà accadere.

Questa concentrazione passiva consente al soggetto allenato una pausa dalla tensione quotidiana e come esito finale un accrescimento delle sue capacità di affrontare gli stress. Si tratta di un processo di de-condizionamento che consente di recuperare anche le proprie energie per affrontare meglio la realtà quando questa ci procura ansia.

ATTEGGIAMENTO MENTALE PER LA PRATICA

È importante tener conto che nessuno “deve fare” ma che tutti “possono fare” gli esercizi solo se attribuiscono credibilità a tale tecnica e vi si dedicano con impegno.

Gli ostacoli possono essere una mancanza di fiducia in ciò che si sta facendo, un disimpegno personale, il volere ottenere tutto e subito. 

Sarebbe un grosso errore obbligarsi a fare l’esercizio quotidiano: se non c’è una reale motivazione somatica e psichica l’allenamento è inutile. La disponibilità richiesta per iniziare qualunque esercizio di training consiste nell’essere ben disposti a rilassarsi e a lasciarsi andare senza riserve mentali.

Se il corpo si ribella e se si prova un senso di inquietudine e di ansietà è meglio rinunciare e rimandare l’esercizio a quando ci si sente più disponibili.

Durante le prime fasi del training si possono incontrare delle difficoltà nel rilassamento dei muscoli del corpo: in questo caso è consigliabile ricorrere ad alcuni esercizi come il rilassamento frazionato di Vogt, da utilizzare prima di ogni esercizio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close